Iscriviti

Sign Up to our social questions and Answers Engine to ask questions, answer people’s questions, and connect with other people.

Accedi

Login to our social questions & Answers Engine to ask questions answer people’s questions & connect with other people.

Password dimenticata

Lost your password? Please enter your email address. You will receive a link and will create a new password via email.

Digitare il proprio nome utente.

Digitare il proprio indirizzo e-mail.

Scegliete un titolo appropriato per la domanda, in modo che si possa rispondere facilmente.

Scegliere la sezione appropriata per facilitare la ricerca della domanda.

Si prega di scegliere parole chiave adatte Es:domanda, sondaggio.

Scrivete la descrizione in modo accurato e dettagliato.

Scegliere da qui il tipo di video.

Inserire qui l'ID del video: https://www.youtube.com/watch?v=sdUUx5FdySs Es: "sdUUx5FdySs".


Si prega di spiegare brevemente perché si ritiene che questa domanda debba essere riportata.

Si prega di spiegare brevemente perché si ritiene che questa risposta debba essere riportata.

Spiegare brevemente perché si ritiene che questo utente debba essere segnalato.

Imprenditore Automatico Ultime novità Articoli

Le neo-banche sono la soluzione per la diaspora elvetica?

Le neo-banche sono la soluzione per la diaspora elvetica?
L'applicazione di Revolut su un dispositivo portatile.

L’applicazione di Revolut su un dispositivo portatile.

Chiave di volta / Monika Skolimowska

Le ingenti spese bancarie imposte agli svizzeri e agli svizzeri all’estero sono una delle spine più fastidiose al fianco della diaspora elvetica. Da qualche tempo, le nuove banche online compaiono sulla scena e potrebbero rappresentare l’alternativa del lungo tempo di attesa.

“Ho chiuso il mio conto da Credit Suisse – sono pazzi con i loro 500 franchi di commissione annuale!”. “Pago 40 franchi di commissione semplicemente perché sono svizzeri all’estero. Grazie mille, ma non per me”.

I commenti dei lettori e lettrici su swissinfo.ch in merito alle spese di commissione non sono certo lusinghieri nei confronti delle banche. E spesso il titolo è giusto. Chiusure forzate dei conti, spese di gestione esorbitanti, … molte persone svizzere residenti all’estero si sentono, ormai da anni, maltrattate dagli istituti bancari tradizionali.

Decisi a rispolverare un mercato bancario svizzero che si è addormentato sugli altri, nuove entità hanno fatto però la loro comparsa. Si chiamano “neo-banche”. Anche se non rappresentano una panacea, potrebbero comunque rivelarsi più adatte ai bisogni finanziari della Quinta Svizzera.

Di cosa stiamo parlando?

Il termine neo-banca designa una nuova generazione di banche digitali, spesso 100% mobili e accessibili da un’applicazione per smartphone.

Indipendentemente dal modello di business, puramente digitale o più tradizionale, tutte le banche svizzere sono tenute a soddisfare le condizioni legali stabilite dalla FINMA (l’autorità di vigilanza elvetica sui mercati finanziari). Ciò significa che anche le neo-banche devono “disporre della liquidità e dei fondi necessari, essere organizzate in modo da poter gestire i rischi e offrire la garanzia di una gestione irreprensibile”, spiega il portavoce della FINMA Vinzenz Mathys. Inoltre, i depositi in denaro della clientela devono essere garantiti fino a 100.000 franchi a persona.

È importante precisare che esiste una sfumatura terminologica tra banca online e neo-banca. Una banca online è solitamente affiliata a una banca tradizionale esistente. Offre un servizio smaterializzato ma con prestazioni spesso equivalenti. Una neo-banca, invece, è un’entità di pagamento che ha ricevuto una licenza bancaria o fintech (termine che designa l’integrazione della tecnologia alle offerte delle società di servizi finanziari) rilasciata dalla FINMA e che propone servizi bancari di base.

È anche il motivo per cui le spese richieste dalle neo-banche sono molto più basse. Lo conferma l’Associazione svizzera dei banchieri (ASB): “È vero che numerose banche digitali si differenziano con modelli di spesa in media più bassi. D’altro canto, la maggior parte delle volte fornisce solo servizi semplici, come i pagamenti o una panoramica di base del conto”. Diverse neo-banche non propongono opzioni di credito o di ipoteca. Non hanno neanche le agenzie e spesso non dispongono di consulenti in carne e ossa, ma solo di un “chatbot”, una finestra di discussione animata da algoritmi.

Vantaggi e svantaggi

Oltre a questo, le neo-banche sono, per loro natura, virtuali. Tutte le transazioni si effettuano tramite smartphone tramite l’applicazione di ogni neo-banca. Ciò rappresenta un freno per chi non è abile con le nuove tecnologie. A causa della loro struttura puramente digitale, emergono anche problematiche legate a un possibile pirataggio o a un errore informatico che potrebbe rendere inaccessibile l’applicazione.

Come per le banche tradizionali, alcuni Paesi sono esclusi dalle prestazioni delle neo-banche per ragioni giuridiche e legali. Questo si spiega con il fatto che, per essere attive in altri Paesi, le banche devono possedere una licenza e sottostare alle norme in vigore. Ciò comporta rischi e lavoro aggiuntivi. È per esempio il caso degli Stati Uniti, in cui vive la terza più grande comunità di svizzeri e svizzeri all’estero.

Diverse neo-banche limitano la loro attività a una manciata di Paesi, soprattutto dell’area Euro.

Tuttavia, i vantaggi sono molteplici, tra cui il più evidente è il fatto di non doversi presentare più di una persona per aprire un conto. La rapidità di esecuzione dei pagamenti e dei versamenti, i bassi costi di gestione, il tasso di cambio generalmente vantaggioso o ancora i conti multi-valuta sono altri fattori che potrebbero interessare la diaspora elvetica.

Quali scegliere?

In Svizzera, tra le banche online, possiamo citare “CSX” di Credit Suisse, “Zak” di Banca Cler oppure “neon” che lavora in collaborazione con la Banca ipotecaria di Lenzburg. Sono servizi che non si rivolgono a priori a chi risiede all’estero, poiché bisogna abitare in Svizzera per iscriversi. Tuttavia, alcune persone hanno riscontrato il problema conservando il loro indirizzo ufficiale nella Confederazione, ad esempio presso i parenti a cui hanno dato un procuratore.

Molte neo-banche sono attive sul mercato svizzero e accessibili a chi non abita nel territorio elvetico. Le più conosciute sono ad esempio la tedesca “n26” e le britanniche “Wise” (in precedenza “Transferwise”) e Revolut.

La FINMA mette tuttavia in guardia: “La clientela svizzera deve essere cosciente, quando si iscrive a tali servizi esteri, che i fornitori non sono sorvegliati dalla FINMA”. Ciò significa che in caso di controversie giuridiche, chi possiede il conto deve far valere i propri diritti all’estero, dove si trova la sede sociale della banca, indica Mathys.

Per quello che riguarda le neo-banche svizzere, le più adatte ai bisogni della diaspora elvetica sembrano essere “Dukascopy”, “Flowbank”, “Swissquote”, “Yapeal” e “Yuh”.

Dukascopy Bank SA ha sede a Meyrin. Ai sensi della licenza FINMA si tratta di un istituto specializzato in operazioni di borsa, gestione patrimoniale e gestione delle attività. Propone conti multi-valuta a chi non risiede in Svizzera.

FlowBank SA è classificata dalla FINMA come banca sotto controllo estero. Si definisce “una piattaforma di trading” e offre accesso a un conto corrente.

Swissquote rientra nella stessa categoria di Dukascopy. La sede sociale è Gland. La sua “attività principale è strettamente legata al trading”, ma offre altri servizi bancari.

Yapeal AG ha sede a Zurigo. Nel 2020 è diventata la prima entità svizzera a ricevere una licenza bancaria fintech. I suoi servizi si rivolgono in particolare alle persone svizzere all’estero e frontaliere.

Ecco il nostro articolo su Yapeal:

Altri sviluppi

Yuh è nato dalla collaborazione tra PostFinance e Swissquote. “Opera con la licenza bancaria di Swissquote Bank SA ed è quindi sottoposta alla FINMA”, si legge sul sito internet.

Le prestazioni in breve

Dukascopia Banca di flusso Quotazione svizzera Yapeal Sìììì
Licenza bancaria o Fintech FINMA
Conto standard gratuito (apertura e gestione)
Carta di debito Attesa nel 2022
Carta di Credito X X X
Altri prodotti bancari (risparmio, credito, ipoteca, …) X X
Paesi coperti «Tutti salvo USA e Iran» «Tutti tranne USA, Canada, Israele, Iran, Corea del Nord, Belgio e altri Paesi sanzionati» «Tutti tranne i Paesi sottoposti a restrizioni» Germania, Francia, Italia, Austria, Liechtenstein (estensione ad altri Paesi prevista nel corso del 2022) Germania, Francia, Italia, Austria, Liechtenstein

Come scegliere?

Secondo Nicole Töpperwien, direttrice di Soliswiss (società cooperativa di aiuto reciproco per svizzeri e svizzeri all’estero), “per trovare una buona soluzione è importante valutare con precisione i propri bisogni”. Ti consiglio di porre le seguenti domande: “Ho bisogno di una carta di credito? Vuoi effettuare pagamenti oppure mettere i soldi da parte? Cosa succede con la mia ipoteca? Dove deve andare l’AVS? A seconda del Paese di residenza e delle esigenze, vanno considerate opzioni diverse”.

A chi non ha ancora lasciato la Svizzera per stabilirsi all’estero, Soliswiss consiglia di rivolgersi il prima possibile presso i vari istituti bancari. Nonostante ciò “esistono ancora casi in cui non si trova nessuna soluzione soddisfacente”, si rammarica Töpperwien.

Altri sviluppi

Come vi comportate di fronte ai costi bancari elevati imposti dalla Quinta Svizzera?

Quali soluzioni hai trovato? Hai ancora un conto presso una banca svizzera?


Visualizza la discussione

Related Posts

Leave a comment