Iscriviti

Sign Up to our social questions and Answers Engine to ask questions, answer people’s questions, and connect with other people.

Accedi

Login to our social questions & Answers Engine to ask questions answer people’s questions & connect with other people.

Password dimenticata

Lost your password? Please enter your email address. You will receive a link and will create a new password via email.

Digitare il proprio nome utente.

Digitare il proprio indirizzo e-mail.

Scegliete un titolo appropriato per la domanda, in modo che si possa rispondere facilmente.

Scegliere la sezione appropriata per facilitare la ricerca della domanda.

Si prega di scegliere parole chiave adatte Es:domanda, sondaggio.

Scrivete la descrizione in modo accurato e dettagliato.

Scegliere da qui il tipo di video.

Inserire qui l'ID del video: https://www.youtube.com/watch?v=sdUUx5FdySs Es: "sdUUx5FdySs".


Si prega di spiegare brevemente perché si ritiene che questa domanda debba essere riportata.

Si prega di spiegare brevemente perché si ritiene che questa risposta debba essere riportata.

Spiegare brevemente perché si ritiene che questo utente debba essere segnalato.

Imprenditore Automatico Ultime novità Articoli

donazioni per venezia acqua alta

Venezia è stata colpita da un’alta marea eccezionale – la seconda più elevata nella storia – che ha procurato danni ingentissimi alla Città, ai residenti e alle attività economiche. Edifici pubblici, rive e fondamenta, la Basilica di San Marco e tutto il patrimonio storico-artistico, musei, scuole, le isole, le abitazioni, i negozi e le attività artigianali sono stati devastati dall’acqua alta e dalla furia del vento.

“La Città, con i suoi abitanti e la collaborazione di tutte le Forze dell’ordine, della Protezione civile e dei Vigili del fuoco, si è messa subito al lavoro per sistemare, ripristinare, ricostruire e ripartire – ha dichiarato il sindaco Luigi Brugnaro – ma l’attività da fare resta ancora enorme.

Se vuoi dare il Tuo contributo per sostenere Venezia, i suoi residenti e la ripresa delle attività economiche e sociali, puoi farlo attraverso una donazione che sarà diretta al ripristino di quanto è stato danneggiato da questi eventi eccezionali e per far ritornare alla normalità la nostra Città .

Venezia è un orgoglio di tutta l’Italia, Venezia è un patrimonio di tutti, unico al mondo.

Grazie al Tuo aiuto Venezia tornerà a splendere”.

Intestazione conto: Comune di Venezia – Emergenza acqua alta

Causale: contributo emergenza acqua

Per bonifici effettuati dall’Italia:

IBAN: IT24T 03069 02117 100000 018767

Per bonifici effettuati dall’estero: oltre al medesimo IBAN è necessario riportare il codice BIC

IBAN: IT 24 T 03069 02117 100000 018767 BIC: BCITITMM

Per donazioni con carta di credito

****************

In relazione alle numerose richieste di chiarimento pervenute in Comune relativamente alle erogazioni liberali a favore delle popolazioni colpite da calamità pubbliche tramite il versamento sul conto corrente denominato “Comune di Venezia – Emergenza Acqua Alta”, sentito per le vie brevi l’Agenzia delle Entrate di Venezia, i competenti uffici comunali chiariscono i meccanismi di detraibilità e deducibilità dei suddetti versamenti effettuati da persone fisiche e imprese.

Detraibilità dall’IRPEF per le persone fisiche – In base all’art. 138, co. 14, legge 23.12.2000 n.388 le erogazioni in denaro a favore delle popolazioni colpite da calamità pubblica danno diritto ad una detrazione Irpef del 19%, calcolata su un importo non superiore a euro 2.065,83. Le erogazioni devono essere effettuate tramite versamenti a favore dei soggetti identificati con il DPCM 20 giugno 2000. Tra i soggetti previsti dal predetto DPCM sono comprese le Amministrazioni Pubbliche Statali, Regionali e Locali, Enti Pubblici non economici.

L’erogazione deve essere effettuata tramite versamento bancario o postale, nonché tramite sistemi di pagamento previsti dall’art. 23 del D.Lgs. n. N. 241 del 1997 (carte di debito, carte di credito, carte prepagate, assegni bancari e circolari). La detrazione non spetta per le erogazioni effettuate in contanti. (In tal senso Circolare 7/E del 27/04/2018, pag. 127-128)
Deducibilità dall’IRES per le imprese – L’attuale disciplina fiscale (Legge 13 maggio 1999, n. 133, art. 27) consente alle imprese di dedurre, senza alcun limite di importo, le erogazioni liberali in denaro a favore delle popolazioni colpite da eventi di calamità pubblica, solo se operare per il tramite di soggetti specificatamente individuati dal DPCM 20 giugno 2000 e tra queste le Amministrazioni Pubbliche Statali, Regionali e Locali, Enti Pubblici non economici.

La deducibilità dal reddito di impresa delle predette erogazioni liberali non è più subordinata all’emanazione, da parte dei Prefetti delle Province interessate dall’evento calamitoso, di un apposito decreto che individui i soggetti i autorizzati all’attività di “collettore” dei fondi raccolti .

Related Posts

Leave a comment